08/11/2010 Mooseek 0 Commenti

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinedIn Condividi su Telegram Condividi su WhatsApp Condividi su Flipboard Condividi su Pinterest Condividi su Tumblr Condividi via SMS Condividi via Email

kinect_tv

Inon Beracha, CEO della compagnia israeliana PrimeSense nel giugno del 2008 partiva alla volta di San Francisco con la valigia piena di tecnologia. Dentro un disositivo capace di leggere i movimenti del corpo dell’utente ed impartire comandi senza usare controller fisici.

Il sistema sviluppato dalla compagnia israeliana era costruito attorno ad un paio di telecamere e rilevatori ad infrarossi.

 

PrimeSensor

In quell’inizio d’estate Apple sembra la scelta più logica per proporre questo innovativo sistema di controllo: avevano l’iPhone e tutto andava alla grande. Per loro si pensava già ad un multi-touch senza la necessità di toccare fisicamente lo schermo dello smartphone o il video del computer. Insomma Tom Cruise e Minority Report stava arrivando!

 

I primi incontri andarono benone cosi come la voglia di Apple di mettere le mani sulla tecnologia. Arrivati al punto cruciale dell’accordo cominciarono a spuntare pile paralizzanti di accordi legali da firmare ed accordi di non divulgazione da sottoscrivere.

A quel punto Beracha scosse la testa. E non se ne fece nulla…

 

Oggi, Naturalmente, il sistema di PrimeSense è al centro del nuovo sistema di controllo Kinect di Microsoft

 

[via cultofmac.com]

Autore: Mooseek
Articolo creato il: 08/11/2010
Categoria: ConsoleXbox 360
Tags: Kinectprimesensexbox 360
Commenti: 0 Commenti

Condividi questo Articolo

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinedIn Condividi su Telegram Condividi su WhatsApp Condividi su Flipboard Condividi su Pinterest Condividi su Tumblr Condividi via SMS Condividi via Email

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi Articoli

La voglia di creare siti web per far conoscere meglio la propria azienda o le proprie idee è spesso in contrasto con la capacità tecnica di realizzare i siti e le pagine. Non si parla solo di contenuti ma della tecnologia stessa che serve per trasformare le idee in veri e propri siti da condividere […]

Continua

Boil the Frog è uno di quei servizi online che sembrano tanto inutili quanto utilissimi perché diversi e originali. Il nome si rifà a quel famoso assunto per cui una rana buttata in una padella di acqua bollente scapperà via saltando, mentre se quest’ultima viene immersa in acqua fredda e scaldata a fuoco lento non […]

Continua

Photoshop lo sappiamo benissimo è il programma di grafica più usato al mondo ed è da sempre il Re incontrastato dei favori per tutti coloro che utilizzano e creano grafica in ambito professionale. Saper usare il programma di Adobe al meglio è la conseguenza di anni di lavoro e di professionalità acquisita nel tempo, ma […]

Continua

Lui è Ugo Negozi @ugo_legozzi ed è un divertentissimo profilo Instagram tutto da seguire. Il nostro amico di Lego è un protagonista di un viaggio irriverente all’interno di oggetti e situazioni sempre con frasi taglienti e dirette, alle volte irriverenti, ma sempre spassose. Se siete appassionati di profili alla Spinoza (eccolo su Twitter @spinoza) non potete evitare […]

Continua

Il mondo della musica è forse quello che più di ogni altro si è dovuto adattare al meglio al nuovo mondo digitale. I computer, Internet ed in generare gli apparecchi per fare musica sono oggi il mezzo con cui artisti, cantati e suonatori esprimono la loro creatività. Tramite il computer non solo si crea musica […]

Continua
Tutti gli Articoli