15/10/2016 Mooseek 0 Commenti

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinedIn Condividi su Telegram Condividi su WhatsApp Condividi su Flipboard Condividi su Pinterest Condividi su Tumblr Condividi via SMS Condividi via Email

psicologia-ingranaggi

Era il 2006, esattamente 10 anni fa, quando Gioacchino Lavanco e Loredana Varveri pubblicavano l’interessante saggio Psicologia del gioco d’azzardo e della scommessa – Prevenzione, diagnosi, metodi di lavoro nei servizi, edito da Carocci Faber. A quei tempi il fenomeno del gioco d’azzardo stava dilagando sia in versione live che per quanto riguarda la comparsa dei primi siti online dedicati al poker digitale. Complice anche una intensa e capillare campagna mediatica, che aveva invaso anche la tv generalista, con quella che venne poi definita febbre del gioco online e grande hype per il Texas Hold’Em, una variante del poker che veniva semplificato e reso ancora più dinamico e spettacolare e che per almeno un lustro divenne un fenomeno virale e generazionale, non solo in Italia, ma un po’ in tutta Europa.

Il saggio molto interessante curato da questi due autori con un excursus fenomenologico costatava come la reperibilità dei giochi d’azzardo fosse in costante incremento. Così ai giochi più noti e datati, che pure continuavano a esercitare il loro fascino, se ne aggiunsero altri, in chiave soprattutto tecnologica.

Oggi dopo dieci anni è interessante notare come questo saggio sia ancora attuale nella sua problematica e nella divulgazione del tema, anche se le cose si sono sviluppate in maniera diversa, talvolta diventando ancora più trasversale e orizzontale. Sappiamo bene, in termini di psicologia del gioco che per molti giocatori si tratta di forme di passatempo e divertimento, e su questo non ci sono vere e proprie problematiche da analizzare, mentre in alcuni casi si sviluppano forme problematiche o patologiche di gioco. Questo del resto, vale per il gioco, online così come live, come per tutti i cosiddetti vizi.

black-jack-cards

Quello che però rende attuale e dinamico questo saggio, Psicologia del gioco d’azzardo e della scommessa è dato dalla riflessione sui giochi d’azzardo della cosiddetta rivoluzione tecnologica degli ultimi anni e della cultura della globalizzazione, che non poteva non investire anche il mondo della scommessa. Scopriamo quindi quello che viene giustamente definito come homo ludens, frequentatore delle sale Bingo, dei bar e delle sale da gioco, del videopoker, dei siti di azzardo online, attraverso quei giochi in cui il rischio di perdere di vista il confine tra benessere e disagio. Passando invece al fenomeno attuale del gioco, è interessante notare come questo tipo di attività abbia trovato uno zoccolo duro di utenti, in versione online, tra i giovani universitari. Non è un caso se lo smartphone è diventato sempre più presente e al centro dei siti dedicati al gioco online come casinò e simili.

Un esempio calzante è dato dal sito, molto in voga in questo periodo il blackjack online su William Hill, sala da gioco tematica, dove è possibile scegliere tra una grande varietà di giochi, dalla roulette al blackjack, passando per il celebre videopoker.

Autore: Mooseek
Articolo creato il: 15/10/2016
Categoria: GiochiOnlinePrimo Piano
Tags: blackjackgiochi onlinepsicologia
Commenti: 0 Commenti

Condividi questo Articolo

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinedIn Condividi su Telegram Condividi su WhatsApp Condividi su Flipboard Condividi su Pinterest Condividi su Tumblr Condividi via SMS Condividi via Email

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi Articoli

La voglia di creare siti web per far conoscere meglio la propria azienda o le proprie idee è spesso in contrasto con la capacità tecnica di realizzare i siti e le pagine. Non si parla solo di contenuti ma della tecnologia stessa che serve per trasformare le idee in veri e propri siti da condividere […]

Continua

Boil the Frog è uno di quei servizi online che sembrano tanto inutili quanto utilissimi perché diversi e originali. Il nome si rifà a quel famoso assunto per cui una rana buttata in una padella di acqua bollente scapperà via saltando, mentre se quest’ultima viene immersa in acqua fredda e scaldata a fuoco lento non […]

Continua

Photoshop lo sappiamo benissimo è il programma di grafica più usato al mondo ed è da sempre il Re incontrastato dei favori per tutti coloro che utilizzano e creano grafica in ambito professionale. Saper usare il programma di Adobe al meglio è la conseguenza di anni di lavoro e di professionalità acquisita nel tempo, ma […]

Continua

Lui è Ugo Negozi @ugo_legozzi ed è un divertentissimo profilo Instagram tutto da seguire. Il nostro amico di Lego è un protagonista di un viaggio irriverente all’interno di oggetti e situazioni sempre con frasi taglienti e dirette, alle volte irriverenti, ma sempre spassose. Se siete appassionati di profili alla Spinoza (eccolo su Twitter @spinoza) non potete evitare […]

Continua

Il mondo della musica è forse quello che più di ogni altro si è dovuto adattare al meglio al nuovo mondo digitale. I computer, Internet ed in generare gli apparecchi per fare musica sono oggi il mezzo con cui artisti, cantati e suonatori esprimono la loro creatività. Tramite il computer non solo si crea musica […]

Continua
Tutti gli Articoli