25/08/2021 Mooseek 0 Commenti

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinedIn Condividi su Telegram Condividi su WhatsApp Condividi su Flipboard Condividi su Pinterest Condividi su Tumblr Condividi via SMS Condividi via Email

La Robotic Process Automation (RPA) è una tecnologia in evoluzione da tempo, che recentemente sta mostrando tutto il proprio potenziale soprattutto nel campo delle risorse umane.

Si tratta di software robotizzati programmati per semplificare le attività ripetitive: in questo modo le persone hanno le mani libere e il cervello sgombro per dedicarsi a mansioni più creative e gratificanti.

RPA in sostanza fa gran parte del lavoro sporco, automatizzando i compiti senza valore aggiunto. Quali conseguenze positive ha tutto ciò non soltanto sull’economia, ma anche sulla qualità della vita e del lavoro delle persone? È quello che vogliamo scoprire.

Image by Pete Linforth from Pixabay

Giochi online e videogiochi: la palestra dei robot

Da dove iniziare la nostra analisi sul tema se le tecnologie innovative, come la robotica, possano avere un impatto positivo sul mondo reale? Molto probabilmente i giochi online e i videogiochi non sono la prima associazione di idee che possa venire in mente.

Eppure, proprio le piattaforme di gioco potrebbero svolgere un ruolo importante per addestrare gli algoritmi, ovvero i robot funzionanti con l’intelligenza artificiale (AI). Per quale motivo? Sono la palestra ideale per mettere alla prova l’intelligenza artificiale in quanto forniscono schema, ripetizione e anche imprevedibilità.

È grazie all’apprendimento rapido e incrementale di questi robot che le esperienze come quelle nei casino on line diventano sempre più realistiche e sfidanti, per giocatori di ogni livello. La tecnologia applicata nell’intrattenimento, oltre a migliorare un settore in costante crescita, permette i test pratici di alcune funzionalità, come ad esempio il riconoscimento delle esigenze dell’utente e la conseguente personalizzazione dello scenario, poi applicabili anche in altri ambiti.

RPA: il robot che ci rende più umani

E adesso entriamo nel merito della RPA, con un esempio pratico nel campo delle risorse umane. Immagina un recruiter alle prese con l’ordinamento dei curriculum, l’analisi (per parole chiave) e il relativo inserimento dati. Tutte mansioni ripetitive e manuali che possono essere svolte da un software robot, che non farà mai pause e non commetterà errori.

E la persona? Il recruiter sarà libero di concentrarsi sugli aspetti del lavoro che richiedono giudizio umano e/o creatività: veri valori aggiunti per gli specialisti nell’acquisizione di talenti!

Così messa, si tratta una vittoria sia per l’azienda, che vede migliorare sensibilmente produttività ed efficienza, che per i dipendenti, liberi di sprigionare la propria energia in modo più significativo.

Vantaggi di RPA (extra business)

Ecco un elenco non esaustivo di come questa tecnologia robotica possa avere un buon impatto anche sugli individui, oltre che sul business aziendale:

  • Migliora il clima organizzativo: non si tratta di sostituire i lavoratori con macchine, ma di automatizzare le attività burocratiche. I primi a trarne beneficio sono proprio i dipendenti che possono concentrarsi su attività più intellettuali e più genuinamente ‘umane’ come, perché no?, dare forma con la fantasia a bellissime immagini di robot in 3D.
  • Ottimizzazione dello spazio: la digitalizzazione e i software robotizzati sono progettati per essere poco ingombranti, a prescindere dal compito loro affidato. Uno spazio cloud, un DVD, una base compatta sono sufficienti per le operatività da ufficio, mentre nei magazzini e nelle fabbriche possono essere montati su pareti, soffitti, binari e scaffali.
  • Impatto ambientale ridotto: l’automazione in senso lato, semplificando i processi, riduce gli scarti e utilizza meno spazio, con effetti positivi sull’ambiente circostante.
  • Maggiore sicurezza sul posto di lavoro: in ambito fabbrica, i processi robotici automatizzati sollevano i lavoratori da compiti pericolosi e proteggono i dipendenti dai rischi ad essi correlati.
  • Interazione uomo-macchina: nei prossimi tre decenni, durante i quali le statistiche mostrano che oltre 70 milioni di baby boomer andranno in pensione e appena 46 milioni di nuovi lavoratori saranno disponibili per sostituirli, l’automazione sarà la soluzione più praticabile, mentre gli umani useranno la fantasia per immaginare nuovi scenari.

Condividi questo Articolo

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinedIn Condividi su Telegram Condividi su WhatsApp Condividi su Flipboard Condividi su Pinterest Condividi su Tumblr Condividi via SMS Condividi via Email

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi Articoli

Tra i giochi e videogiochi evergreen presenti nella storia ludica della tecnologia, alcuni sono entrati nel cuore degli appassionati e nonostante oggi, rappresentino il passato, in realtà sono stati degli esempi unici di rivoluzione tecnologica digitale del gaming (e non solo). Ecco alcuni videogames da provare almeno una volta nella vita, perché hanno ispirato la […]

Continua

La voglia di creare siti web per far conoscere meglio la propria azienda o le proprie idee è spesso in contrasto con la capacità tecnica di realizzare i siti e le pagine. Non si parla solo di contenuti ma della tecnologia stessa che serve per trasformare le idee in veri e propri siti da condividere […]

Continua

Boil the Frog è uno di quei servizi online che sembrano tanto inutili quanto utilissimi perché diversi e originali. Il nome si rifà a quel famoso assunto per cui una rana buttata in una padella di acqua bollente scapperà via saltando, mentre se quest’ultima viene immersa in acqua fredda e scaldata a fuoco lento non […]

Continua

Photoshop lo sappiamo benissimo è il programma di grafica più usato al mondo ed è da sempre il Re incontrastato dei favori per tutti coloro che utilizzano e creano grafica in ambito professionale. Saper usare il programma di Adobe al meglio è la conseguenza di anni di lavoro e di professionalità acquisita nel tempo, ma […]

Continua

Lui è Ugo Negozi @ugo_legozzi ed è un divertentissimo profilo Instagram tutto da seguire. Il nostro amico di Lego è un protagonista di un viaggio irriverente all’interno di oggetti e situazioni sempre con frasi taglienti e dirette, alle volte irriverenti, ma sempre spassose. Se siete appassionati di profili alla Spinoza (eccolo su Twitter @spinoza) non potete evitare […]

Continua
Tutti gli Articoli