29/04/2020 Mooseek 0 Commenti

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinedIn Condividi su Telegram Condividi su WhatsApp Condividi su Flipboard Condividi su Pinterest Condividi su Tumblr Condividi via SMS Condividi via Email

Google ha deciso di mettere a disposizione di tutti la propria soluzione di videoconferenza Google Meet.

Se fino ad oggi per poter utilizzare l’applicazione era necessario essere iscritti al programma Enterprise o Educational, e quindi a pagamento, a partire da Maggio Google Meet diventerà gratuito per tutti.

Una scelta che naturalmente vuol essere la risposta dell’azienda di Mountain View all’enorme incremento degli utenti che questa tipologia di software sta avendo in tutto il mondo a causa della quarantena che tutti noi siamo obbligati a rispettare per il Covid-19.

Ma come avere Google Meet gratis?

Come detto il rilascio di Google Meet in versione gratuita è previsto a partire dal prossimo Maggio 2020, ma già oggi iscrivendosi a questa pagina dedicata è possibile rimanere aggiornati su quando questa possibilità sia effettivamente messa a disposizione. Per accedere è sufficiente avere un account Google attivo ed il gioco è fatto.

Se come detto il trend di crescita dei programmi di videoconferenza è in crescita costante e vertiginosa, anche la privacy e la sicurezza degli utenti oggi sembra essere messa proporzionalmente più rischio.

Per questo motivo in questa nuova versione di Google Meet gli inviti continueranno ad esserci, come prima, per un accesso veloce alle conferenze, ma solo chi utilizzerà un device già registrato con lo stesso account di quello usato per accedere verrà accettato all’interno della chat, contrariamente l’utente verrà “parcheggiato” in una specie di sala d’attesa aspettando la vera conferma dell’invito da parte dell’organizzatore.

Anche le registrazioni verranno salvate sul proprio Google Drive in maniera assolutamente criptata

Una scelta obbligata per non incappare nelle ben note problematiche legate alla sicurezza che altre soluzioni concorrenti hanno dovuto affrontare.

Più sicurezza ma con la stessa affidabilità e velocità di sempre con la possibilità di salvare le registrazioni su Google Drive in modalità criptata, accesso fino a 100 partecipanti e nessun limite di durata fino almeno al 30 settembre prossimo (poi è previsto il limite di 1 ora)

Tutte le caratteristiche da sfruttare al meglio e quindi che fare? Iscrivetevi qui!

 

Condividi questo Articolo

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinedIn Condividi su Telegram Condividi su WhatsApp Condividi su Flipboard Condividi su Pinterest Condividi su Tumblr Condividi via SMS Condividi via Email

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi Articoli


La moda del momento è senza dubbio la condivisione di storie e di filmati attraverso il proprio smartphone. Per questo motivo tutti i social network offrono la possibilità di registrare video più o meno lunghi per poi pubblicarli sulla piattaforma. Questa operazione può essere effettuata utilizzando l’applicazione dedicata che ogni social offre ai propri utenti […]


Tutto nasce durante la giornata di insediamento di Joe Biden, ovvero del nuovo presidente degli Stati Uniti. In quell’occasione il senatore americano Bernie Sanders è balzato alle cronache divertenti per la sua presenza alquanto bizzarra: seduto sulla sua sedia in tutta comodità, alle spalle delle altre autorità, e con la caratteristiche di avere dei guanti […]


In una situazione in cui i cellulari sembrano ormai tutti uguali e con pressoché le stesse funzioni, il reparto fotografico e il terreno di gioco in cui i produttori si giocano la partita. Apple naturalmente é ben cosciente del fatto che presentare la potenza fotografica dei sui device può essere un punto importante a favore […]


Questa collezione di Sfondi estrapolati dalla MIUI 12 di Xiaomi, la distribuzione Android che equipaggia i device MI dell’azienda, è una bella selezione che abbiamo avuto modo di intercettare grazie ai ragazzi di Xda-Developers Non è una raccolta nuovissima perché come sappiamo già oggi Xiaomi è al lavoro sulla MIUI 12.5, ma vista la quantità […]


Quando si parla di ASCII vuol dire parlare di una codifica di caratteri utilizzata dai computer di tutto il mondo. Uno standard risalente agli anni 60 che è l’acronimo di American Standard Code for Information ASCII è l’acronimo di American Standard Code for Information Interchange (ovvero Codice Standard Americano per lo Scambio di Informazioni)Il suo […]

Altri Articoli