03/07/2006 Mooseek 0 Commenti

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinedIn Condividi su Telegram Condividi su WhatsApp Condividi su Flipboard Condividi su Pinterest Condividi su Tumblr Condividi via SMS Condividi via Email

Microsoft ha smentito alcuni rumor secondo i quali l’azienda starebbe pianificando di “bloccare” i sistemi Windows XP degli utenti che si rifiutano di installare il suo controverso tool anti-pirateria Windows Genuine Advantage (WGA). Secondo le indiscrezioni il colosso avrebbe anche potuto implementare un “kill switch” per tutti i PC con software “contraffatto”.

Il colosso ha comunque confermato che per il suo prossimo sistema operativo Windows Vista, le aziende dovranno eseguire l’attivazione del software in maniera diversa da quanto accade oggi, in modo da impedire il leakage delle chiavi delle licenze a volume, ampiamente usate oggi dai “pirati” di Windows.

Sempre in questi giorni era giunta la notizia che un utente di Los Angeles ha addirittura sporto denucia contro il colosso all’ U.S. District Court di Seattle, sostenendo che WGA viola le leggi antispyware non “rivelando” la sua presenza durante l’installazione tramite la funzione “Aggiornamenti Automatici” di Windows. Il caso è stato preso in carico dallo stesso avvocato che aveva curato la causa contro Sony BMG per le note vicende legate al software rootkit integrato nella tecnologia DRM anti-copia dei CD musicali del catalogo Sony. Microsoft ha definito la denuncia “priva di fondamento”, ribadendo che WGA è una parte fondamentale della sua campagna antipirateria, mirata in particolare a scoraggiare le pratiche di abuso dei seriali VLK destinati le aziende. Le licenze a volume sono da molto tempo il tallone di Achille di Microsoft. Alle aziende viene normalmente fornita una singola volume license key che viene usata per attivare contemporaneamente centinaia o migliaia di copie di Windows. Queste stringhe possono venire copiate o rubate e quindi diffuse su Internet. Le installazioni di XP eseguite con codici VLK non richiedono attivazione, controllo dell’hardware, nè limitazioni d’installazione o imaging.

Per scoraggiare queste pratiche, le aziende che passeranno a Windows Vista o Longhorn Server dovranno eseguire una applicazione chiamata Key Management Service. Secondo Microsoft e gli analisti, il servizio si occuperà  di tenere traccia di quante copie del software sono state acquistate dall’azienda e quante vengono poi installate. Microsoft ha comunque spiegato che le aziende dovranno considerare il software semplicemente “come un applicazione che controlla e protegge l’uso di chiavi e installazioni Volume License“. Microsoft ha anche affermato che il Key Management Service includerà  degli strumenti di amministrazione che aiuteranno le aziende a meglio gestire le licenze. Il portavoce di Microsoft spiega: “Microsoft non controllerà  il numero di copie installate; i servizi di gestione delle chiavi saranno interni alle aziende “¦ Rilasceremo delle guide ed ulteriori informazioni per consumatori e canali partner a fine Estate”. Per quanto riguarda gli utenti finali di Vista il portavoce di Microsoft aggiunge: “Non abbiamo per ora dettagli specifici da comunicare riguardo le caratteristiche di WGA in Windows Vista, ma WGA continuerà  a far parte della Microsoft Genuine Software Iniziative.

Articolo apparso su:tweakness.net
Autore: Mooseek
Articolo creato il: 03/07/2006
Categoria: Notizie
Tags:
Commenti: 0 Commenti

Condividi questo Articolo

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinedIn Condividi su Telegram Condividi su WhatsApp Condividi su Flipboard Condividi su Pinterest Condividi su Tumblr Condividi via SMS Condividi via Email

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi Articoli

Vi siete decisi: metterete la connessione internet anche in casa così potrete trasformare la vostra abitazione nel regno incontrastato dell’Internet of Things. Qui però sorge il dubbio: meglio l’ADSL o la fibra ottica? Partiamo dall’inizio. Le tecnologie più moderne che permettono di utilizzare internet in casa propria sono superveloci e affidabili, e consentono di sfruttare, […]

Continua

Con la sempre più presente attività di video chat, meeting online e condivisione delle informazioni attraverso il video l’utilizzo delle webcam è tornato non solo di moda ma anche essenziale per la vita lavorativa. Le webcam installate sul proprio computer spesso non sono altrettanto potenti quanto la macchina che le ospita rendendo cosi difficile la […]

Continua

Se sinonimo di Tablet continua ad essere iPad è certo che anche gli altri produttori si stanno buttando in questo business tenendo presente, a differenza del passato, la qualità costruttiva e la potenza offerta. Oppo Pad è la soluzione interessante proposta dall’omonima azienda cinese che si basa sul concetto di potenza, robustezza e sistema costruito […]

Continua

  I dispositivi multimediali a nostra disposizione sono sempre di più strumenti capaci di catturare le immagini in ogni momento ed in qualsiasi situazione. Spesso queste fotografie sono catturate con dimensioni molto diverse da quelle volute magari nella volontà di creare progetti diversi. Altre volte capita di dover fare i conti con cartelle stracolme di […]

Continua

Dentro questo profilo in cui le immagini superano decisamente qualsiasi parola non possiamo che avventurarci assieme alla morte nei sui percorsi fotografici al mare. Dentro @iamtheswimreaper si possono seguire le avventure della morte tra le acque del mare, le spiagge, le foci dei fiumi ed in generale durante le sue spedizioni in cui l’acqua è […]

Continua
Tutti gli Articoli