23/06/2006 Mooseek 0 Commenti

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinedIn Condividi su Telegram Condividi su WhatsApp Condividi su Flipboard Condividi su Pinterest Condividi su Tumblr Condividi via SMS Condividi via Email

Microsoft sta sviluppando una nuova funzionalitè  in Windows Vista che consentirà  alle aziende di caricare controlli ActiveX sui sistemi senza disporre di privilegi di amministrazione. La nuova funzionalitè , chiamata ActiveX Installer Service, consentirà  di far fornte al nuovo meccanismo di sicurezza UAC (User Account Control).

La funzionalitè  UAC, anche nota come User Account Protection o Least User Access, utilizza l’architettura di protezione di Windows cosè¬ com’era progettata originariamente in Microsoft Windows NT 3.1: tutti gli utenti, inclusi gli amministratori, accedono con un account utente standard. Solo dopo la concessione dell’approvazione, un’applicazione puè² essere eseguita con i privilegi completi dell’utente.

Di default, le attuali versioni di Windows configurano la maggior parte degli account utente come membri del gruppo di amministratori, fornendo tutti i privilegi di sistema. Questo consente agli utenti di installare e configurare tutte le applicazioni e di effettuare modifiche al sistema, ma costituisce nel contempo un serio rischio di sicurezza perchè© i malware writer riescono più facilmente a guadagnare il controllo completo dei sistemi attaccati. Con la funzionalitè  UAC, Vista separa i privilegi e le attivitè  dell’utente standard da quelli amministrativi, riducendo la superficie d’attacco.

UAC bloccherà  anche l’installazione di controlli ActiveX sui sistemi Standard User e le applicazioni aziendali che sfruttano la tecnologia incontreranno problemi nell’implementazione di questi oggetti ActiveX usati per potenziare l’interazione dell’utente con un applicazione. Microsoft ha introdotto ActiveX Installer Service durante la conferenza TechEd 2006, affermando che sarà  una componente opzionale delle SKU Ultimate, Business e Enterprise di Windows Vista. Il nuovo servizio dovrebbe debuttare in Windows Vista RC1 (Release Candidate 1) e sarà  attivo sono sui client in cui verrà  installato.

Le continue richieste di permesso di UAC sono state criticate dai betatester perchè© ritenuto fastidiose ed eccessivamente ripetitive. In Windows Vista RC1, uno degli obiettivi primari di Microsoft sarà  quello di ridurre il numero di richieste di elevazione UAC, che dovrebbero andare scemando a partire dall’installazione del sistema, entro pochi giorni di utilizzo, riducendosi ad apparizioni più rare legate ad eventi meno comuni (come l’aggiunta di nuovo hardware). Il colosso implementerà  anche i cosiddetti “shim di compatibilitè “, correzioni per gli applicativi esistenti che non vengono eseguiti correttamente sotto Standard User. Microsoft lavorerà  con gli ISV per aggiornare le applicazioni che non potranno essere “contrassegnate con gli shim” e per programmare le applicazioni future in modo tale che siano in grado di girare correttamente con privilegi Standard User.

Articolo apparso su:tweakness.net
Autore: Mooseek
Articolo creato il: 23/06/2006
Categoria: Sviluppo
Tags:
Commenti: 0 Commenti

Condividi questo Articolo

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinedIn Condividi su Telegram Condividi su WhatsApp Condividi su Flipboard Condividi su Pinterest Condividi su Tumblr Condividi via SMS Condividi via Email

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi Articoli

AnyViewer è un software desktop remoto affidabile e potente creato allo scopo di fornire agli utenti lo strumento di accesso remoto e supporto remoto più efficace. Per ringraziare tutti gli utenti del loro supporto l’azienda produttrice di AnyViewer ha organizzato un grandissimo Giveaway dedicato dalla durata limitata dal 22 Giugno 2022 al 16 Luglio 2022 […]

Continua

Al momento, sappiamo che ci sono sempre più piattaforme multimediali in streaming sia per l’intrattenimento, che per il lavoro. Nota dolente é il fatto che gli abbonamenti premium sei servizi in streaming hanno sempre un prezzo elevato e non tutti possono permetterselo. Prendiamo Netflix come esempio: nessuno guarda Netflix tutti i giorni, ma per comprarlo […]

Continua

Il mondo Internet è sempre più social non solo nel senso di social network ma di condivisione delle informazioni. La condivisione delle informazioni personali e delle risorse reperite all’interno della “Grande Rete” è infatti motivo di comunicazione continua tra gli utenti. Spesso capita infatti che navigando su Internet ci si imbatta  in video interessanti e […]

Continua

La sicurezza e la privacy dei dati è una prerogativa fondamentale per qualsiasi sistema operativo moderno. L’accesso non consentito ai documenti da persone non autorizzate è spesso bloccato a livello di sistema e senza la possibilità di scavalcare queste policy da parte del normale utente. Cosa succede però se si vuole oppure si ha la […]

Continua

Gli italiani amano il gioco d’azzardo, è una sorta di tradizione per il nostro Paese. Nelle case si giocano sia a giochi di abilità che giochi di fortuna, sia per hobby che per divertimento. Il problema semmai è che in Italia non è facile trovare luoghi sotto casa dove poter giocare ai giochi da casinò […]

Continua
Tutti gli Articoli