05/12/2006 Mooseek 0 Commenti

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinedIn Condividi su Telegram Condividi su WhatsApp Condividi su Flipboard Condividi su Pinterest Condividi su Tumblr Condividi via SMS Condividi via Email

Tech.Blorge.com ha deciso che era arrivato il momento, e con un articolo molto conciso e diretto ha contrapposto i due sistemi operativi di casa Redmond, giungendo alla conclusione che entrambi non si differenziano di molto.

Windows XP: Fin dalla prima versione del Service pack 1, Windows XP implementava un firewall che garantiva una protezione adeguata verso i cracker che tentavano di irrompere nei computer. Con l’avvento del SP2, furono installate le protezione contro i programmi malevoli, ovvero ogni eseguibile che tentava di accedere alla rete veniva bloccato dal Windows firewall, il quale chiedeva conferma all’utente su come si voleva procedere. Entrambi i firewall erano di pregevole fattura, ma garantivano solamente una protezione superficiale, chiaro che chiunque avesse a cuore la propria sicurezza in Internet si cimentava nell’acquisto di un programma commerciale di più alto livello.

Windws Vista:Windows Vista troverà  pre-installato un firewall del tutto simile a quello presente in Windows XP SP2. Per quanto riguarda la navigazione in internet, Explorer 7 presenta un filtro “anti-phishing”che interagirà  direttamente con i server Microsoft listando i siti contraffatti, ciè² che ha fatto molto scalpore è che, a differenza di Firefox, il web-surfing sarà  molto lento costringendo qualche volta l’utente ad “aggiornare la pagina”.

Con lo slogan “ti proteggiamo da te stesso” sarà  lanciato l'”user account control”, ovverಠrisulterà  impossibile applicare cambiamenti alle più importanti impostazioni di sistema senza prima essersi autenticati. Sarebbe una bella iniziativa, ma si trova un grosso problema che non sembra essere balzato agli occhi dei programmatori Microsoft: per qualsiasi conferma, messaggio di sistema, o semplicemente per accedere al pannello comandi, verrà  richiesto l’inserimento della parola d’ordine, cosa un po’ scomoda e che porterà  sicuramente a disattivare questa pregevole funzione. Ricordo che tale “innovazione” per Redmond, si trova disponibile in qualsiasi sistema Unix fin dalla nascita dello stesso con l’acronimo di: “Password di Root”.

Per i più curiosi che vogliono approfondire, rimando al testo in lingua inglese di Alex Zaharov-Reutt.

Articolo apparso su:pc-facile.com
Autore: Mooseek
Articolo creato il: 05/12/2006
Categoria: Curiosità
Tags:
Commenti: 0 Commenti

Condividi questo Articolo

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinedIn Condividi su Telegram Condividi su WhatsApp Condividi su Flipboard Condividi su Pinterest Condividi su Tumblr Condividi via SMS Condividi via Email

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi Articoli


La moda del momento è senza dubbio la condivisione di storie e di filmati attraverso il proprio smartphone. Per questo motivo tutti i social network offrono la possibilità di registrare video più o meno lunghi per poi pubblicarli sulla piattaforma. Questa operazione può essere effettuata utilizzando l’applicazione dedicata che ogni social offre ai propri utenti […]


Tutto nasce durante la giornata di insediamento di Joe Biden, ovvero del nuovo presidente degli Stati Uniti. In quell’occasione il senatore americano Bernie Sanders è balzato alle cronache divertenti per la sua presenza alquanto bizzarra: seduto sulla sua sedia in tutta comodità, alle spalle delle altre autorità, e con la caratteristiche di avere dei guanti […]


In una situazione in cui i cellulari sembrano ormai tutti uguali e con pressoché le stesse funzioni, il reparto fotografico e il terreno di gioco in cui i produttori si giocano la partita. Apple naturalmente é ben cosciente del fatto che presentare la potenza fotografica dei sui device può essere un punto importante a favore […]


Questa collezione di Sfondi estrapolati dalla MIUI 12 di Xiaomi, la distribuzione Android che equipaggia i device MI dell’azienda, è una bella selezione che abbiamo avuto modo di intercettare grazie ai ragazzi di Xda-Developers Non è una raccolta nuovissima perché come sappiamo già oggi Xiaomi è al lavoro sulla MIUI 12.5, ma vista la quantità […]


Quando si parla di ASCII vuol dire parlare di una codifica di caratteri utilizzata dai computer di tutto il mondo. Uno standard risalente agli anni 60 che è l’acronimo di American Standard Code for Information ASCII è l’acronimo di American Standard Code for Information Interchange (ovvero Codice Standard Americano per lo Scambio di Informazioni)Il suo […]

Altri Articoli