18/07/2014 Mooseek 0 Commenti

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinedIn Condividi su Telegram Condividi su WhatsApp Condividi su Flipboard Condividi su Pinterest Condividi su Tumblr Condividi via SMS Condividi via Email

All’interno di Play Store (ma anche in altri marketplace) esiste una modalità di marketing molto utilizzata per distribuire più velocemente ed in maniera più efficace giochi ed applicazioni. Il metodo consiste nel rendere le applicazioni ed i giochi gratis per il download inserendo però nelle stesse sistemi di pagamento che permettano di poter accedere a contenuti aggiuntivi o per esempio di avanzare in nuovi livelli.

Il metodo è da ritenere più che lecito e risulta comodo sia dalla parte dell’utente, che può in questo modo provare al meglio il gioco o l’applicazione, e sia dalla parte dello sviluppatore che può usare lo stesso come pubblicità iniziale distributiva per poi convincere l’utilizzatore ad un acquisto successivo per ottenere maggiori funzionalità.

Nei software per computer questa tipologia di applicazioni viene denominata Shareware ed è differente da Freeware in cui i programmi sono totalmente gratuiti. Stranamente invece all’interno dei marketplace per smartphone ogni applicazione o gioco con acquisti “In-App” viene denominata Free ingannando logicamente l’utente e creando confusione specialmente in utenti come bambini.

play_store.jpg

Su pressione della Commissione Europea, Google sembra ora intenzionata a porre rimedio eliminando dal Play Store la parola gratis laddove esista la modalità di acquisto “In-App” monitorando inoltre che all’interno delle applicazioni o giochi non ci sia un sistema per incoraggiare utenti più deboli ad effettuare acquisti magari con sistemi non controllati dallo smartphone.

Un impegno questo che vedrà cambiare probabilmente la dicitura a fianco ad ogni applicazione con sistema “In-App” almeno per il mercato Europeo. Non è infatti ancora chiaro che questa modifica riguarderà anche tutti gli altri Paesi del Mondo. Intanto anche Apple sembra essere stata convinta del cambiamento accettando quanto richiesto dalla Commissione (anche se in modalità differenti rispetto a Google).

Autore: Mooseek
Articolo creato il: 18/07/2014
Categoria: Android
Tags: AndroidapplicazioniGooglePlay Store
Commenti: 0 Commenti

Condividi questo Articolo

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinedIn Condividi su Telegram Condividi su WhatsApp Condividi su Flipboard Condividi su Pinterest Condividi su Tumblr Condividi via SMS Condividi via Email

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi Articoli

AnyViewer è un software desktop remoto affidabile e potente creato allo scopo di fornire agli utenti lo strumento di accesso remoto e supporto remoto più efficace. Per ringraziare tutti gli utenti del loro supporto l’azienda produttrice di AnyViewer ha organizzato un grandissimo Giveaway dedicato dalla durata limitata dal 22 Giugno 2022 al 16 Luglio 2022 […]

Continua

Al momento, sappiamo che ci sono sempre più piattaforme multimediali in streaming sia per l’intrattenimento, che per il lavoro. Nota dolente é il fatto che gli abbonamenti premium sei servizi in streaming hanno sempre un prezzo elevato e non tutti possono permetterselo. Prendiamo Netflix come esempio: nessuno guarda Netflix tutti i giorni, ma per comprarlo […]

Continua

Il mondo Internet è sempre più social non solo nel senso di social network ma di condivisione delle informazioni. La condivisione delle informazioni personali e delle risorse reperite all’interno della “Grande Rete” è infatti motivo di comunicazione continua tra gli utenti. Spesso capita infatti che navigando su Internet ci si imbatta  in video interessanti e […]

Continua

La sicurezza e la privacy dei dati è una prerogativa fondamentale per qualsiasi sistema operativo moderno. L’accesso non consentito ai documenti da persone non autorizzate è spesso bloccato a livello di sistema e senza la possibilità di scavalcare queste policy da parte del normale utente. Cosa succede però se si vuole oppure si ha la […]

Continua

Gli italiani amano il gioco d’azzardo, è una sorta di tradizione per il nostro Paese. Nelle case si giocano sia a giochi di abilità che giochi di fortuna, sia per hobby che per divertimento. Il problema semmai è che in Italia non è facile trovare luoghi sotto casa dove poter giocare ai giochi da casinò […]

Continua
Tutti gli Articoli