11/06/2020 Mooseek

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinedIn Condividi su Telegram Condividi su WhatsApp Condividi su Flipboard Condividi su Pinterest Condividi su Tumblr Condividi via SMS Condividi via Email

Forse non sempre ci facciamo caso ma ogni volta che installiamo una nuova app ci vengono richieste una serie di autorizzazioni da dare all’app stessa per accedere a delle funzioni del nostro smartphone. Un esempio? Quando installiamo WhatsApp, questa ci chiederà di accedere a Contatti, Fotocamera, Microfono, Geolocalizzazione e tutta un’altra serie di permessi.

Solitamente pensiamo che queste autorizzazioni servano per far funzionare l’app, ed è certo una delle ragioni per cui ci vengono chieste questi permessi, ma altre volte le autorizzazioni accedono a dati personali e a funzioni ed è qui che sorgono i dubbi su dove e come vengono usati questi dati. C’è stato un gran parlare dell’app Immuni e di come poteva garantire l’anonimato seppur tracciando gli spostamenti delle persone. Molte altre app sviluppate in questo periodo accedono alla localizzazione per tracciare i nostri contatti e questo è sicuramente un pericolo maggiore rispetto all’uso del Bluetooth di Immuni. Secondo un sondaggio rilasciato da ExpressVPN, il 75% degli intervistati negli Stati Uniti è convinto che queste app violino la privacy ma a ben pensare, ci sono molte altre app che usiamo quotidianamente che accedono ai nostri dati.

A questo punto è bene conoscere quali sono le autorizzazioni che concediamo alle varie app e a cosa servono:

  • Calendario: se conservate i vostri impegni e riunioni sul calendario dello smartphone una app con accesso ad esso potrà condividere le vostre abitudini e anche contatti registrati negli eventi.
  • Fotocamera: app-malware con accesso alla fotocamera possono registrare e usare le foto a piacimento.
  • Contatti: accedere a tutti i numeri in rubrica (molto spesso finiscono in liste per call center)
  • Posizione: ogni nostra posizione viene tracciata e monitorata, sia in casa sia fuori.
  • Microfono: registra audio e conversazioni
  • SMS e Telefono: queste due autorizzazioni possono accedere a messaggi e chiamate effettuate
  • Archiviazione: accesso ai file del telefono

Se molte di queste servono davvero a far funzionare le app, molte altre autorizzazioni hanno lo scopo di raccogliere dati, usati poi a scopo pubblicitario e di profilazione.

Come possiamo trovare le autorizzazioni concesse e modificare l’app? dalle impostazioni:

App (o gestisci app) >> Selezionate l’app  >> Permessi app (o autorizzazioni) >> da qui potete capire a che funzioni accede ogni app e scegliere se rimuovere o no il permesso.

Come proteggere anche la vostra privacy ed i dati personali

Oltre a decidere se rimuovere alcune autorizzazioni, vi ricordiamo che potete facilmente seguire qualche semplice consiglio di cybersecurity per proteggere la vostra privacy, i vostri dati personali e anche i vostri dispositivi:

  • Munitevi sempre di un antivirus o un filtro anti phishing, anche su smartphone
  • Fate attenzione ai siti e ai link di download: assicuratevi sempre che siano affidabili
  • Usate una virtual private network se vi connettete con una rete WiFi pubblica, disponibile anche come estensione su Chrome.
  • Aggiornate sempre le app e il sistema operativo: in questo modo gli sviluppatori risolvono bug e problemi relativi alla sicurezza.

Basta poco per rimanere sicuri anche sul proprio smartphone.

Condividi questo Articolo

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinedIn Condividi su Telegram Condividi su WhatsApp Condividi su Flipboard Condividi su Pinterest Condividi su Tumblr Condividi via SMS Condividi via Email

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi Articoli

Il mondo della musica è forse quello che più di ogni altro si è dovuto adattare al meglio al nuovo mondo digitale. I computer, Internet ed in generare gli apparecchi per fare musica sono oggi il mezzo con cui artisti, cantati e suonatori esprimono la loro creatività. Tramite il computer non solo si crea musica […]

Continua

Viaggiare e pernottare nei casinò è sempre un’esperienza unica, soprattutto quando le sale da gioco si trovano a due passi dal mare o riproducono una città come quella di Venezia (nel caso dei Venetian Casinò di Las Vegas e Macao), questo perché è possibile aggiungere ulteriori fattori del divertimento alla vacanza. Sono tantissimi i siti […]

Continua

Il marketing (termine inglese, spesso abbreviato in mkt o mktg) è un ramo dell’economia che si occupa dello studio descrittivo del mercato e dell’analisi dell’interazione del mercato e degli utilizzatori con l’impresa. (wikipedia) Per gli appassionati però il Marketing è qualcosa che va ben oltre la semplice economia, è una passione fatta di ricerche di […]

Continua

Avete presente tutte quelle notizie assurde che ogni giorno ci vengono propinate dal nostro social network preferito? Purtroppo molte di queste sono false e risultano come bufale ben architettate, ma alcune volte sono vere e certificate Oggi un profilo instagram raccoglie tutte queste notizie filtrandole e garantendo che quest’ultimo risultino veritiere e verificate. Fatti Strani […]

Continua

La registrazione della musica attraverso il computer o il proprio device è una delle operazioni forse più scontate ed allo stesso tempo semplice. Su praticamente tutti i sistemi operativi moderni, come Windows, Mac e Linux, sono già installati, programmi  per registrare suoni e musica. Sono tools semplici che fanno al meglio il proprio dovere. Cosa succede però […]

Continua
Tutti gli Articoli